Blog

Certificazione Halal dal campo alla tavola: un approccio olistico per aumentare la fiducia dei consumatori

La rapida espansione della popolazione musulmana in tutto il mondo ha determinato un aumento esponenziale della domanda di prodotti certificati Halal. Secondo un rapporto pubblicato, fra i  rapporti mensili di Salaam Gateway, il valore del settore della certificazione alimentare globale nel 2015 è stato stimato essere superiore a 12,5 miliardi di dollari, con i Musulmani che spendono oltre 1,2 trilioni di dollari solo per cibo e bevande (Salaam Gateway, 2016). Altre fonti hanno previsto che il valore del mercato Halal globale continuerà a crescere a causa della continua espansione della popolazione Musulmana globale (Sungkar, 2008).

Queste cifre presentano il mercato Halal come una forza con cui fare i conti, nonostante sia ancora necessario molto lavoro per unificare i processi e gli standard di certificazione Halal. Ad esempio, quando si parla di certificazione della carne Halal, la maggior parte delle procedure e degli standard di certificazione Halal pone l’accento solo sul processo di macellazione, con poca o nessuna attenzione al modo in cui gli animali vengono allevati e trasportati al macello. L’obiettivo di questo articolo è quello di evidenziare l’importanza della certificazione Halal dalla fattoria alla tavola e come questo può essere raggiunto dagli organismi di certificazione Halal.

La logica per uno schema di certificazione Halal “dal campo alla tavola” è garantire la stretta conformità con il concetto Halal – Tayyib, il benessere degli animali e, in misura maggiore, la conformità con altri principi della Shariah. Questi aspetti della produzione di carne Halal sono stati completamente ignorati dagli organismi di certificazione Halal. Va ribadito che le lacune delle pratiche corrette possono provocare la diffusione di malattie e significative violazioni del benessere degli animali e possono persino portare alla morte degli animali nei casi peggiori.

Ad esempio, durante la cattura di uccelli per il trasporto, alcuni uccelli possono subire traumi dovuti a catture e manipolazioni brusche, questo può successivamente portare alla morte all’arrivo (MaA) al macello, cattiva cattura e manipolazione del pollame può essere mitigato con un robusto Halal standard. Vale la pena ribadire che la fornitura di animali da allevamenti con cattive pratiche in termini di benessere degli animali non è nello spirito dei requisiti della Shariah, pertanto è necessario compiere sforzi per innalzare gli standard di benessere degli animali negli allevamenti. Una soluzione per migliorare gli standard di benessere degli animali e produrre animali adatti al mercato Halal sarebbe attraverso l’introduzione di robusti schemi di certificazione Halal come “dal campo alla tavola” che comprenderanno il benessere degli animali, la sostenibilità ambientale, l’alimentazione degli animali con mangimi sani (Tayyib), la manipolazione umana e il trasporto dagli allevamenti ai macelli.

Gli standard di certificazione Halal dovrebbero rendere obbligatorio per le aziende agricole che riforniscono i macelli Halal di utilizzare mangimi privi di derivati animali, questo garantirà che gli animali siano nutriti in gran parte con erba o cereali. È interessante notare che vi sono alcune prove scientifiche che suggeriscono che gli animali nutriti principalmente con erba producono un sapore più pronunciato, in particolare nel fegato, e un sapore meno grasso (Prioli et al., 2002).

L’implementazione di una robusta certificazione Halal “dal campo alla tavola” comporterà la collaborazione di tutte le parti interessate, agricoltori, operatori dei macelli e organismi di certificazione Halal. Gli Auditor Halal e i giuristi Islamici svolgerebbero  un ruolo vitale nell’attuazione del programma, pertanto, gli auditor dovrebbero essere esperti agricoli e dovrebbero essere disposti a sottoporsi a formazione per familiarizzare con le sfumature delle procedure in azienda al fine di consentire loro di apprezzare bene il flusso del processo.

Il Dottor Awal Fuseini, Halal Sector Manager presso AHDB ha commentato: “Un approccio olistico alla certificazione Halal aggiungerà senza dubbio valore al settore e contribuirà notevolmente a migliorare la percezione dei consumatori sui prodotti certificati Halal”.

Come guida, uno standard Halal “dal campo alla tavola” dovrebbe comprendere le seguenti fasi:

Audit In fattoria– Questo aspetto degli audit Halal dovrebbe prendere in considerazione quanto segue: alimentazione, farmaci, procedure di allevamento (ad esempio castrazione) e gestione delle risorse ambientali (ad esempio un migliore utilizzo delle risorse idriche).

Audit dei trasportiquesto aspetto dovrebbe considerare il metodo di rimozione degli animali dagli allevamenti, le condizioni dei veicoli, che siano approvati, la distanza dall’allevamento ai macelli o ai mercati del bestiame e le densità di allevamento in base alle condizioni climatiche prevalenti.

Audit sulla macellazione– come evidenziato in precedenza, molti audit Halal includono già l’aspetto della macellazione. Come guida, gli audit di macellazione dovrebbero includere: ispezione della tana, sistemi di contenzione, taglio del collo, affilatura dei coltelli, recitazione della tasmiyyah e tempo di sanguinamento.

Audit sulla sicurezza alimentare– gli audit sulla sicurezza alimentare dovrebbero concentrarsi sull’HACCP; i controlli della temperatura, il controllo dei rischi fisici, biologici e chimici devono essere al centro di questo aspetto degli audit Halal. I certificatori Halal dovrebbero sforzarsi di allineare i propri standard agli standard di sicurezza alimentare accettati a livello internazionale, ad es. BRC e ISO22000.

Audit del trasformatore o della vendita al dettaglio– I rivenditori e gli operatori di ristoranti dovrebbero essere incoraggiati ad accettare la certificazione Halal. Ciò garantisce che vi sia un’adeguata segregazione per prevenire la potenziale contaminazione dei prodotti Halal con materiali non-Halal.

Considerando le questioni sollevate sopra, si potrebbe sostenere che l’importanza di uno schema di certificazione Halal “dal campo alla tavola” non può essere sottovalutato. Oltre al miglioramento del benessere degli animali, vi è la sicurezza alimentare che promuoverà la sostenibilità ambientale, gli schemi di certificazione Halal “dal campo alla tavola” aumenterebbero la fiducia dei consumatori nei prodotti certificati Halal attraverso l’adozione di un approccio olistico alla certificazione Halal. A tal fine, la World Halal Authority (WHA) sta lavorando all’implementazione pratica di uno schema di certificazione Halal “dal campo alla tavola”.

La WHA è in grado di collaborare con i sindacati degli agricoltori, gli operatori dei macelli e le principali parti interessate nell’industria della carne dell’UE. Nel Regno Unito, ad esempio, organizzazioni come la National Farmers Union (NFU), la National Sheep Association (NSA) e l’Agricultural and Horticulture Development Board (AHDB) saranno consultate come parte della formulazione e implementazione dello schema.

“Apprezziamo molto la nostra collaborazione e il nostro impegno con gli stakeholder Halal e li incoraggiamo a lavorare con noi per ottenere soluzioni pratiche e coerenti per sviluppare e implementare lo schema”, ha affermato il Dottor Mohamed Elkafrawy, CEO di WHA.

 

Media Centre
World Halal Authority
Share

Contattaci per maggiori
informazioni

    Articoli recenti

    WORLD HALAL AUTHORITY PARTECIPA ALLA “HALAL BODIES CERTIFICATION 2020”

    WORLD HALAL AUTHORITY PARTECIPA ALLA “HALAL BODIES CERTIFICATION 2020”

    Quest'anno, a causa della pandemia globale di Covid19, si è svolta in via digitale l’11 edizione dell’𝗛𝗮𝗹𝗮𝗹 𝗖𝗲𝗿𝘁𝗶𝗳𝗶𝗰𝗮𝘁𝗶𝗼𝗻 𝗕𝗼𝗱𝗶𝗲𝘀 𝗖𝗼𝗻𝘃𝗲𝗻𝘁𝗶𝗼𝗻 (𝗛𝗖𝗕𝗖), un evento esclusivo di formazione annuale a cui partecipano solo gli organismi e gli enti più autorevoli nell’ambito...

    leggi tutto

    WHA è il frutto di una pluriennale esperienza nel mondo della Certificazione Halal e i servizi annessi. WHA è un Organo internazionale di Certificazione Halal indipendente e un’Autorità riconosciuta da moltissime Organizzazioni e Autorità nel mondo.